La verità vale più di un'identità

Articoli con tag “manoscritto falso

Riflessioni Accademiche

Riportiamo qui di seguito alcune considerazioni che la dott.ssa Anna Castriota ha voluto rilasciare al nostro BLOG. Ricordiamo che la dott.ssa è una studiosa di ideologie politiche radicali e terrorismo e che ha collaborato con padre Gritti per tutto ciò che concerne le ricerche storiche di quel periodo e descritte nel romanzo “I custodi della pergamena proibita”.

Salve a tutti!

Vorrei intervenire su una questione che mi sta molto a cuore.

Come tutti ormai sappiamo, il libro di padre Gritti ha finalmente chiarito uno dei misteri più oscuri e relativo al leggendario manoscritto Voynich. Nonostante ciò, ho notato che spesso è più comodo attribuire la paternità del manoscritto ai marziani, alle fate o agli elfi, piuttosto che accettare il fatto che si tratti di un’opera abilmente contraffatta da Wilfrid Voynich e che tale documento contenga messaggi in codice riguardanti l’intenso traffico spionistico avvenuto nella prima parte del 20mo secolo, proprio alle soglie del I conflitto mondiale.
Dalle ricerche da me effettuate posso affermare che lo stesso Voynich è un personaggio davvero ambiguo che si muove con agio (come molti altri in verità) negli ambienti diplomatici e in quelli più sotterranei dell’eversione politica molto comuni nell’Europa di quel periodo. E’ peraltro sospetto che Voynich decida di migrare negli Stati Uniti proprio alla vigilia dello scoppio della I guerra mondiale. Inoltre, sempre in quel periodo, la rete di interessi politici di diversi gruppi di potere è abbastanza fitta e tale da permettere l’inserimento di personaggi come Voynich, il quale sa perfettamente destreggiarsi in tali ambienti riuscendo a trarre benefici e vantaggi dalla stessa rivalità esistente tra le varie potenze.

In definitiva il manoscritto risulta essere una perfetta copertura per tali traffici. Perché allora meravigliarsi di un Voynich al soldo del miglior offerente?

Chi conosce in maniera approfondita la storia politica tra la fine del 19mo secolo e gli inizi del 20mo secolo, non si può stupire che Voynich possa essere stato un agente segreto impegnato su più fronti e che il manoscritto sia un documento contraffatto dallo stesso per scopi spionistici.

Quindi perché  tanto scetticismo e velata o addirittura aperta ostilità da parte della comunità di studiosi del manoscritto Voynich nei confronti di padre Gritti? E’ una domanda che mi pongo spesso ultimamente. Soprattutto quando interagisco con personaggi che appartengono al “circolo Voynich”.

Nemmeno un mese fa sono entrata in contatto con uno di questi “esperti”. Abbiamo iniziato una fitta corrispondenza e credevo di trovarmi dinnanzi ad un serio studioso che volesse raggiungere una qualche verità. Quando però ho accennato al fatto che il manoscritto potesse essere un falso dello stesso Voynich e avente contenuti spionistici, ho iniziato ad avere risposte ostili. L’evento che più  mi ha oltraggiato è stato l’atteggiamento di sfiducia nei miei confronti. Sono un’accademica seria e le mie affermazioni sono sempre suffragate da prove inconfutabili. Nella stessa occasione, rifiutando di venire a vedere in Italia la documentazione, si pretendeva di ricevere la scansione di documenti originali da me visionati e in possesso di padre Gritti che confermano l’attività spionistica di Voynich, operazione, questa, che potrebbe danneggiare i documenti in questione. L’alternativa proposta dall’ “esperto” è stata allora quella di visionare i documenti in una videoconferenza. Questa proposta l’ho trovata estremamente offensiva della mia parola di studiosa e della validità della mia proposta di ricerca. Ho chiaramente rifiutato, ma vorrei chiarire in questa sede che il mio rifiuto non nasconde nessun trucco o inganno.

I documenti esistono davvero, ma accetterò di discuterne apertamente solo quando troverò di fronte a me studiosi seri che vogliano appurare la verità e non a pseudo-storici o “ricercatori della domenica” i quali sono pronti ad attaccare una teoria diversa dalla loro solo perché esce fuori dal coro di quelle dagli stessi accettate.

Come si può pensare di valutare la veridicità e l’autenticità di documenti solo “intravedendoli” via webcam? le carte vanno toccate, gli inchiostri esaminati, la grafia confrontata: analisi queste che non è possibile effettuare in una videoconferenza! Un altro esempio di testardaggine, da parte di questa cosiddetta comunità di studiosi del manoscritto, è un articolo che mi è stato segnalato qualche giorno fa in cui si fa cenno alla corrispondenza di Anne Nill, segretaria e migliore amica di Ethel Voynich.

In alcune di queste lettere la Nill scrive di una possibile preesistenza del manoscritto perché questo sarebbe stato visionato da Singer nel 1905 presso il mercante di libri rari Baer in Germania. ..trattasi in realtà di un manoscritto forse simile al Voynich, ma non il Voynich! Mi viene il sospetto che il post sia stato creato appositamente per far credere al lettore che Anne Nill nutra dubbi sulla provenienza del manoscritto. L’autore dell’articolo sembra poi ignorare che la Nill fosse persona non attendibile perché affetta da malattie cerebrali. Prova di ciò è nella corrispondenza della stessa Anne Nill conservata a Cambridge e da me visionata durante le mie ricerche per il libro di padre Gritti.

Inoltre apprendo di una recente ricerca avviata su un catalogo di piante appartenuto a Ethel Voynich e che avevo chiesto di visionare al Grolier. E’ interessante comunque notare che, dopo la pubblicazione del libro di padre Gritti, la comunità Voynich si stia svegliando…

Concludo dicendo che la verità ha mille sfaccettature e che dobbiamo avere l’onestà intellettuale di accettarla in tutte le sue molteplici sfumature, anche quando infrange le nostre convinzioni più radicate. Capisco che per uno studioso del Voynich tutto ciò può risultare frustrante, ma bisogna avere il coraggio di affrontare una verità alternativa a quella in cui abbiamo sempre creduto. Solo così possiamo dire di conoscere davvero.

Grazie
Dr. Anna Castriota
Oxford

 

Annunci

Una gentile concessione

Pubblichiamo qui di seguito, per gentile concessione dello stesso Aldo Gritti, l’immagine di una lettera che l’autore ha scovato negli archivi dell’US Bureau of Investigation e che fa parte delle immagini riportate nel romanzo “I custodi della pergamena proibita”. Qualora qualcuno ravvisasse qualsiasi tipo di violazione di diritti può comunicarlo all’indirizzo voynich2012@libero.it dove prenderemo in considerazione la segnalazione. 

William Stone Booth. ( immagine da http://www.sirbacon.org )

La lettera è datata 25 giugno 1917. Ed è indirizzata a Mr. W.S. Booth, che risiede in quel momento al Botolph Club di Boston. 

Molto probabilmente si tratta di William Stone Booth, un bibliofilo e autore esperto di cifrature accreditate ad un altro illustre Bacone: Francis. Booth scrisse testi relativi all’utilizzo di acrostici che permettessero la realizzazioni di firme nascoste, ad esempio, oltre al già citato Francis Bacon, quella presente nel Hypnerotomachia Poliphili di Francesco Colonna.

E’ disponibile una breve biografia di W.S. Booth al seguente link .

Nella lettera, più che il contenuto, sono interessanti le annotazioni manoscritte ai margini. Di seguito l’immagine della lettera, la sua traduzione in italiano completa delle integrazioni manoscritte evidenziata nel testo con carattere grassetto corsivo. In calce alcune considerazioni conclusive.

 

tratto da “i custodi della pergamena proibita” di Aldo Gritti

Mio caro Signor Booth,

E’ passato molto tempo dalla nostra ultima corrispondenza. Non ho idea se siate a Boston o meno. Ricorda che manifestò un grande interesse per il mio MS cifrato(?). ( (presunto) Ruggero Bacone). Mi chiedo quale sia stato il risultato del vostro tentativo di decifrarlo.  A tal proposito, attualmente,  il vostro Dipartimento di Guerra ci sta proprio lavorando (perché?), mi auguro che siano in grado di traslitterarlo con l’aiuto dei loro esperti. Anche il professor Manly dell’Università di Chicago ci sta lavorando.

Ho aperto un ufficio permanente all’indirizzo segnato in alto (Aeolian Hall, 33 West 42nd Street, New York ndr), dove sto via via trasferendo la mia collezione di MS miniati e libri rari.

La prima parte, che lei ha già visto, appartiene ora, con l’eccezione di pochi pezzi, a diverse istituzioni pubbliche degli Stati Uniti.

Se vi trovaste a New York mentre sono qui, sarei felice di incontrarvi ancora.

Sinceramente vostro

W. M. Voynich

? Un austriaco o un russo polacco (ebreo) + un filo-tedesco anti britannico

naturalizzato britannico +un bell’articolo ingegnoso (falso)

Il professor Manly citato nella lettera è lo stesso che in seguito demolì la teoria di Newbold. Inoltre, Manly condivide con Booth la passione per la teoria che vede Francis Bacon come possibile autore dei testi di Shakespeare.

E’ evidente che le annotazioni manoscritte sono state realizzate da qualche funzionario e siano volte a segnalare alcuni aspetti della figura di Voynich. E’ inoltre evidente che su di lui venivano svolte delle indagini e che, anche grazie al  conforto di altri documenti ritrovati dall’autore, Wilfred Voynich  era sospettato di essere una spia.


Un autorevole commento da Oxford

Riportiamo un commento della Dr. Anna Castriota che è voluta intervenire sul nostro BLOG ed in particolare sul post relativo alla diatriba tra Voynich e Vizitelly. La ringraziamo sentitamente per il suo intervento.

Salve! devo prima di tutto fare i complimenti a questo blog di cui sono già stata ospite. E’ davvero ben strutturato e ricco di informazioni preziose sul Manoscritto 408, meglio conosciuto come il ”Manoscritto Voynich”. Mi collego quasi quotidianamente a questo sito (impegni e collegamento internet permettendo) e devo dire che sono sempre sorpresa -in modo positivo- dall’abbondanza di materiale acquisito e messo a disposizione del lettore. Inoltre noto con piacere che il presente blog sta avviando una discussione tra internauti riguardo al libro di P. Gritti. E’ importante che ciò avvenga poiché il romanzo ”I Custodi della Pergamena Proibita” merita tutta la pubblicità possibile.

Ho collaborato personalmente con Padre Gritti sulla ricerca del periodo storico in cui si muoveva Voynich (sono docente di ideologie politiche e storia del 20mo secolo ad Oxford). L’abitudine di creare codici cifrati per comunicare messaggi militari o politici è sempre stata pratica comune nel mondo dello spionaggio. Lo era al tempo di Voynich e lo è adesso. Chi non ricorda, per esempio, il ”Codice Enigma” durante la seconda guerra mondiale? ci volle un genio della matematica come Alan Turing per riuscire a decifrarlo. Quindi niente di nuovo sotto il sole. Allora perché il Manoscritto Voynich provoca resistenze da parte del mondo accademico e non, quando si prova a palesarne un significato ed un’origine diversi? A questo proposito devo confessare che ho riletto con molto interesse sia l’articolo di Barlow che la polemica a mezzo stampa tra Voynich e Vizetelly nel 1921 riportati sul blog (complimenti per il lavoro di ricerca). Ci si chiederà come mai a queste voci dissonanti non sia mai stata data la giusta attenzione o il giusto credito. Il motivo è semplice: sia nel 1921, sia attualmente, ci sono interessi che vanno mantenuti. Nuocerebbe enormemente alla Yale University se si diffondesse che una delle sue maggiori ”attrazioni” è in realtà un falso del 20mo secolo. Infatti la reputazione del corpus accademico di quella università ne uscirebbe danneggiata. Inoltre se si accettasse il vero significato celato dal Manoscritto, bisognerebbe riscrivere buona parte della storia del periodo pre e post prima guerra mondiale. Bisognerebbe cioè rivedere e rivisitare il periodo storico tra l’ultima decade del 19mo secolo e le prime due decadi del 20mo secolo. La reputazione di paesi come gli Stati Uniti, per esempio, ne andrebbe pesantemente di mezzo considerando anche il ruolo di superpotenza che questa nazione oggi riveste a livello mondiale. Ecco perché personaggi come Vizetelly o Barlow, ed ora Padre Gritti, vengono attaccati o, nella migliore delle ipotesi, ignorati.
Hanno evidenziato (nel caso di Vizetelly e Barlow) incongruenze importanti o provato (nel caso di Padre Gritti) il vero significato del Ms408 che per molti dovrebbe continuare a rimanere nascosto, preferendo l’ipotesi che la paternità del Manoscritto sia attribuibile a Ruggero Bacone (come lo stesso Voynich inizialmente tentò di fare) o che sia un falso ma non di epoca moderna. Concludo il mio intervento con una citazione presa liberamente dal romanzo di U. Eco “Il Pendolo di Foucault” : “Se si vuole celare un segreto, basta renderlo noto a tutti”.

Dr. Anna Castriota


Un Barlowme nella notte

Era l’ottobre del 1986 quando sulla rivista Cryptologia (vol.10, n°4) venne pubblicato un articolo a firma Michael Barlow dall’inequivocabile titolo: “Il manoscritto Voynich: realizzato dallo stesso Voynich?”. In questo lavoro sono presentati molti dei temi trattati nel romanzo “I custodi della pergamena proibita” di Aldo Gritti, su tutti: la tesi più importante, quella secondo la quale il famoso MS408 è un manoscritto realizzato dallo stesso Voynich.

Immagine originale della prima pagina dell’articolo disponibile al link http://www.tandfonline.com

L’articolo di Barlow prende spunto dalla monografia di Mary D’ImperioVoynich Manuscript: an elegant enigma” ed evidenzia come in questo saggio vengano descritti minuziosamente tutti i tentativi effettuati per dare un significato al manoscritto, risultando, in definitiva, una sorta di “punto della situazione” degli studi effettuati fino al 1976. La sensazione che si ha è quella che lo stesso Barlow prenda a pretesto il saggio della D’Imperio per effettuare a sua volta un “punto della situazione” sul “punto della situazione”. E’ con toni tra l’ironico e il sarcastico che l’autore sottolinea che non si ha ancora alcuna risposta alle mille domande generate dall’enigmatico manoscritto e che per questo sarebbe auspicabile che le ricerche proseguano per averne almeno una. Contemporaneamente, però, si può fare affidamento su quelli che possono essere considerati gli unici punti fermi raggiunti, frutto di decenni di studi, e che l’articolo riassume in questo modo:

  • I botanici sostengono che la sezione botanica non ha alcun senso.
  • Gli astronomi sostengono che la sezione astrologica non ha alcun senso.
  • Anche gli astrologi dicono che la sezione astrologica non ha alcun senso.
  • Gli esperti in farmacologia dicono che la sezione farmacologica non ha alcun senso.
  • I crittografi affermano che la cifratura non ha alcun senso.
  • Gli storici dell’arte non riescono a datare i disegni.
  • I bibliografi non riescono a datarne la scrittura.
  • Non esiste alcun esempio simile per stile, presentazione o produzione.

Sono passati altri 26 anni dalla pubblicazione di questo articolo e non è difficile verificare come quei punti fermi citati da Barlow siano ancora gli unici definibili come tali, a parte la datazione della pergamena al radiocarbonio 14 del 2009. L’autore dell’articolo, infatti, elenca gli insuccessi relativi alla comprensione del manoscritto per evidenziare altre caratteristiche che ruotano intorno alle pagine del Voynich e che risultano quantomeno sospette. In particolare Barlow si chiede come mai, almeno fino al 1986, non siano mai state compiute analisi scientifiche sui pigmenti o sulla pergamena, ed inoltre afferma che pur essendo evidente che alcuni studiosi del manoscritto abbiano considerato l’ipotesi che potesse trattarsi di un falso, gli stessi hanno voluto seguire quegli ‘indizi’ i quali indicavano che, se di frode si trattava, questa era compiuta nel 1650 ai danni di Rodolfo II di Praga. Tuttavia appare evidente che questi ‘indizi’ siano originariamente suggeriti proprio dallo stesso Voynich.

A questo punto nell’articolo di Cryptologia vengono affrontate alcune questioni particolarmente importanti. Michael Barlow, infatti, focalizza quali siano i soli fatti certi ed incontrovertibili per poi arrivare a porsi una domanda:

  • Voynich presenta al mondo il manoscritto nel 1921
  • Voynich dichiara di averlo acquistato nel 1912. Nove anni prima.
  • Voynich ha speso una cifra considerevole per acquistare il libro, non senza superare delle avversità per ottenerlo.
  • Voynich acquista un manoscritto unico e particolarmente insolito.

Come mai invece di urlare ai quattro venti la sua scoperta, come farebbe qualsiasi buon venditore, il libro non viene aperto se non nel 1921 quando  – sorpresa! – viene trovata una lettera all’interno, guarda caso del 1665 (o1666), e che lo stesso Voynich aveva omesso di leggere? Come mai dopo aver speso tempo, risorse, affrontato problemi e trovandosi di fronte un libro incomprensibile non c’è stata più attenzione rivolta alla presenza o meno di questa lettera?

Ma Barlow va oltre. Sottolineando come la vendita del manoscritto a Voynich avvenga ad opera dei Gesuiti di Villa Mondragone e come la biblioteca del collegio fosse stata donata al Vaticano sin dal 1620, si chiede:

  • Il Vaticano avrebbe dovuto dare la sua approvazione circa la vendita?
  • Sembra che la vendita dovesse rimanere segreta per tutelare ulteriori eventuali acquisti. Segreta per chi? Per il Vaticano?
  • Perché il venditore non ha venduto il MS al miglior offerente?
  • Nessun altro commerciante era a conoscenza di questa offerta?
  • Non appare invece tutto ciò come un modo pulito per Voynich per calare una tenda su di un passato troppo facilmente ripercorribile?
  • Siamo sicuri che il MS venduto a Villa Mondragone sia lo stesso MS che oggi chiamiamo Manoscritto Voynich?
  • E’ possibile poi che questo manoscritto sia rimasto a Villa Mondragone per 247 anni, come ipotizzato dallo stesso Voynich, senza che nessuno gli prestasse attenzione?

Tralasciando il giallo della firma cancellata di Jacobus Horcicky de Tepenecz, Barlow fa notare un’ altra particolare coincidenza: Voynich in prima battuta suggerisce che il manoscritto potesse essere stato opera di Ruggero Bacone e quindi implicitamente di aver subìto quattro secoli di silenzio. Lo stesso Voynich afferma però che  “è dopo qualche tempo che il manoscritto fu nelle mie mani che lessi il documento che portava la data del 1665 ( o 1666)…”. Voynich si riferisce alla lettera di Marci che, guarda caso, avvalora la tesi che il manoscritto sia opera di Bacone. Insomma Voynich e Marci sembra la pensino allo stesso modo. Nemmeno se Voynich l’avesse scritta di suo pugno sarebbe potuto arrivare un documento che potesse sostenere in modo migliore la sua tesi!

Ovviamente, tra le righe dell’articolo di Cryptologia, sorgono ulteriori domande: Chi meglio di un commerciante di libri antichi poteva sapere che un libro “pieno di geroglifici” esisteva (il riferimento è a quello di John Dee 1600) e che sarebbe tornato alla ribalta sotto Rodolfo II ? Quale suggerimento migliore si poteva dare se non quello di attribuire l’ambientazione del MS Voynich sempre alla corte di Rodolfo II ? E ancora: chi meglio di un commerciante di libri antichi avrebbe potuto procurarsi della pergamena intonsa? Chi meglio di qualcuno vissuto tra il 1912 e il 1920 avrebbe potuto produrre un testo manoscritto senza errori e in un tempo molto minore di quello necessario nel 15° secolo utilizzando tecnologie più evolute?

In definitiva Barlow arriva a formulare delle conclusioni al suo molto sorprendente articolo:

  • L’incontestato valore economico del libro potrebbe essere un fattore che impedisce l’accertamento della frode. 
  • La “bufala” dell’uomo di Piltdown (1911) e la biografia di John Dee pubblicata  da Fell-Smith (1904) sarebbero potuti essere due degli eventi che hanno ispirato e supportato Voynich nella generazione del falso.
  • Sarebbe opportuno sapere di più circa l’uomo Voynich.
  • Non sono ben chiari i motivi per cui Voynich avrebbe voluto produrre questa frode.
  • Tutti i misteri legati al manoscritto potrebbero essere spiegati esaustivamente se questo venisse considerato un’opera realizzata dallo stesso Voynich

Proprio alla conclusione dell’articolo di Cryptologia, l’autore quasi profetizza: “[…] Forse Voynich era un uomo in grado di gioire in segreto dei fallimenti ottenuti dai suoi colleghi nel tentativo di svelare il contenuto del manoscritto, ma magari quest’uomo avrebbe potuto anche lasciare una lettera al suo direttore di banca, da aprirsi dopo la sua morte e con il fine ultimo di spiegare ogni cosa. Probabilmente questa lettera esiste, ma con un’attesa di tempo superiore, forse 100 anni. […]”

In chiusura alcune osservazioni che vogliono aggiungere  i curatori di questo BLOG con la speranza che possano essere motivo di riflessione per quei lettori che passeranno a leggere questo post. Non possiamo far a meno di notare che l’ipotesi di Michael Barlow è citata sempre molto a margine, se non addirittura per nulla, tra l’elenco delle ipotesi formulate sul MS Voynich. Eppure di tutte è la meno confutabile e quella che ancor oggi può dare più risposte alle mille domande aperte sul mistero legato al manoscritto. La sintesi dell’articolo qui riportata, non rende giustizia all’insieme delle incongruenze segnalate e quindi invitiamo ad approfondire direttamente sull’articolo originale disponibile in download, purtroppo a pagamento, al seguente link.

Ci sembra doveroso sottolineare che a distanza di 26 anni dalla pubblicazione di questo articolo, gli studi scientifici auspicati dall’autore, scarseggiano. Le analisi dei materiali effettuate ci sembrano essere insufficienti e ci si chiede perché non venga effettuato uno ion migration test sul MS che permetta di verificare quando l’inchiostro è entrato in contatto con la pergamena. In conclusione ci sembra che Aldo Gritti risponda esaustivamente al lavoro di Barlow rispondendo a molte delle domande presenti nell’articolo di Cryptologia del 1986. Gritti, seppur in chiave di fiction, completa un quadro storico finora del tutto oscuro dando luce al contesto in cui operava l’uomo Michał Habdank-Wojnicz. Aggiunge la descrizione di fatti, eventi e prove a sostegno della tesi che vede Voynich stesso come autore di una delle più grandi farse mai realizzate. Ogni pezzo del puzzle trova il suo posto e il quadro finale risulta in egual misura chiaro e sconcertante. Come è possibile che l’articolo di Michael Barlow sia stato risucchiato in un tornado di assordante silenzio? C’è un legame tra la profezia alla conclusione dell’articolo e Aldo Gritti?

 

 

 

 

 


L’ispirazione Della Porta accanto…

Nel romanzo “I custodi della pergamena proibita” viene presentata l’ipotesi che Wilfrid Voynich abbia tratto ispirazione per la “creazione” delle referenze storiche al suo falso da una lettera presente nell’opera più conosciuta di Giovan Battista Della Porta: “Magia naturalis”. Vengono presentate qui di seguito: la pagina della lettera così come appare sull’edizione del 1677 di Pompeo Sarnelli, e la sua traduzione in italiano che è invece riportata nel romanzo di Aldo Gritti.

   

 “All’illustre, dotto a noi sinceramente caro Giovan Battista Della Porta. Rodolfo II per divina clemenza eletto imperatore dei Romani, sempre Augusto. Illustre, sapiente, a noi sinceramente caro. Poichè c’interessiamo (quando ci è concesso dai gravosi impegni di Stato) alla sottile scienza dei fatti naturali e artificiali, in cui tu eccelli, ti abbiamo inviato il nostro cappellano Cristiano Hermio, per esprimerti il nostro desiderio. Gradiremmo che tu generosamente gli dessi fiducia, rivelandogli con coraggio quelle cose che ritieni ci risultino gradite. E se per caso qualcuno dei tuoi familiari ha imparato l’Arte Regia, vorremmo che tu ce lo inviassi per certo periodo. Così anche noi possiamo avere spiegazioni circa il tuo pregevole studio, mentre ti manifestiamo l’affetto e la nostra benedizione. Scritto nel Palazzo Reale, nella nostra Regia Praga, il 20 giugno dell’Anno del Signore 1604: 29° del nostro Regno Romano, 32° di quello Ungarico e 29° del Boemo. Rodolfo” (tratto da ‘I Custodi della Pergamena Proibita’)